I produttori delle Nanoparticelle lipidiche dei vaccini a mRNA confermano: erano sperimentali e non destinati all’uomo

Lo sviluppo di un farmaco è un processo complesso. Il farmaco deve essere efficace contro una certa malattia, dovrebbe alleviarla o addirittura curarla.

A tale scopo, vengono sviluppati principi attivi e le loro modalità d’azione sono determinate in ampi test di laboratorio. Nella fase successiva verranno studiate le proprietà farmacologiche e tossicologiche al fine di poterne stimare la sicurezza. Se il principio attivo può essere classificato come sicuro in una determinata area terapeutica, viene deciso quale forma e dosaggio sono necessari, compressa, capsula, spray o vaccino.

Per la produzione di una forma farmaceutica sono necessari anche gli eccipienti, solitamente noti. Di solito sono descritti in una farmacopea (il libro dei farmaci). In caso negativo, devono essere presentati studi farmacologici e tossicologici che dimostrino l’innocuità e la sicurezza della sostanza. Ciò è richiesto dalle linee guida europee per lo sviluppo di un medicinale. “Linee guida sulla valutazione del rischio formalizzata per l’accertamento della buona pratica di fabbricazione appropriata per gli eccipienti dei medicinali per uso umano.”

Nel caso della produzione di vaccini mRNA, invece, c’è stata un’eccezione a questa regola perché il principio attivo, l’mRNA, è instabile.

Le nanoparticelle lipidiche (LNP) utilizzate nella produzione di vaccini mRNA sono nuove nello sviluppo di vaccini e ci sono pochi dati sulla sicurezza per questa classe di sostanze. Tuttavia, sono necessari per stabilizzare l’mRNA e per trasportarlo nel suo sito di azione. Gli LNP utilizzati sono AL-0159 e Al-0315. Sui dati di sicurezza, tutti i produttori hanno dichiarato che la produzione avviene secondo le condizioni GMP, ma che le sostanze non sono destinate all’uso sull’uomoSono destinate esclusivamente a scopi sperimentali.

Indicazioni della pericolosità di questi LNP 

Somministrati per via intradermica, intramuscolare e nasale e dei tessuti esaminati dopo 24 ore. Dopo l’applicazione intramuscolare e intradermica, si sono verificate significative reazioni infiammatorie nel tessuto circostante. Dopo l’applicazione intranasale, si sono verificati significativi cambiamenti infiammatori nel tessuto polmonare e gli animali sono morti“.

Avvisi di pericolo

Un documento in circolazione fornisce chiare indicazioni sui potenziali pericoli, infatti 566 pazienti sono stati seguiti per un periodo di 8 anni (iniziato ben prima della pandemia). Dopo la vaccinazione con mRNA, nella maggior parte di questi pazienti è stato registrato un aumento dei biomarcatori proteici che indicano processi infiammatori. Gli autori concludono che la vaccinazione con mRNA provoca infiammazione dell’endotelio, aumenta notevolmente l’infiltrazione di cellule T nel miocardio e può spiegare un aumento del rischio di trombosi, sviluppo di cardiomiopatia e altri eventi vascolari dopo la vaccinazione.

Sulla base di questi pochi risultati di studio, i vaccini mRNA devono essere messi in discussione in modo critico fino a quando non verrà dimostrato il contrario. Sempre più pazienti stanno segnalando danni da vaccino. Purtroppo non vengono presi sul serio, proprio come i medici che osano denunciare gli effetti collaterali delle vaccinazioni.

Il vaccino a mRNA somministrato per via intramuscolare non rimarrà esclusivamente nel sito di iniezione. Naturalmente, si diffonderà in tutto il corpo attraverso il flusso sanguigno.

Gli scienziati che cercano di portare alla luce questi serissimi dati, sono derisi ed etichettati come teorici della cospirazione. Le persone scettiche sulla vaccinazione perché non tutte le loro domande hanno ricevuto risposta, vengono etichettate come oppositori della vaccinazione. La pandemia è stata definita “la pandemia dei non vaccinati” (v. Hirschhausen, Medien Clown) o la “tirannia dei non vaccinati” (Montgommery, World Medical President). 

Dobbiamo fare del nostro meglio per garantire che gli scienziati che lavorano sui rischi di un vaccino ancora inesplorato siano presi sul serio. In nessun caso dovrebbero ricevere minacce del taglio di fondi per la ricerca. Un patrocinio della scienza non deve essere accettato. Chiunque lo accetti e appoggi il sistema solo per assicurarsi i fondi per la ricerca, è colpevole della sofferenza e della morte di molte persone. I politici devono dire addio ai loro pseudo-scienziati scelti con cura e ai clown dei media e lasciare che anche i critici dicano la loro. La scienza vive del discorso e non della dittatura!

Letteratura

1) https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34841223/ The mRNA-LNP platform’s lipid nanoparticle component used in preclinical vaccine studies is highly inflammatory)

2) Circulation: „Abstract 10712: Mrna COVID Vaccines Dramatically Increase Endothelial Inflammatory Markers and ACS Risk as Measured by the PULS Cardiac Test: a Warning“

3) https://pathologie-konferenz.de/

4) https://www.aerzteblatt.de/nachrichten/126061/Heidelberger-Pathologe-pocht-auf-mehr- Obduktionen-von-Geimpften

5) https://www.rnz.de/politik/hintergrund_artikel,-corona-werden-viele-impftote-gar-nicht- erkannt-plus-podcast-_arid,846085.html

6) https://bkk-provita.de/wp-content/uploads/2022/02/Paul-Ehrlich-Institut-Presseinformation-Impfnebenwirkungen-nach-Corona-Impfung-1.pdf

PER CONDIVIDIRE QUESTO ARTICOLO CLICCA SULL'ICONA DEL TUO SOCIAL PREFERITO:

Inserisci un commento per partecipare alla discussione:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.