La testimonianza di Adriana, 53 anni: “Dopo aver fatto il vaccino ho dovuto subire due interventi pericolosi alle due arterie femorali”

Pubblichiamo la video testimonianza di Adriana, raccolta dal Comitato Ascoltami:

“Buongiorno, io sono Adriana, di Arezzo, ho 53 anni. Anch’io, come tanti altri, ho riscontrato questi effetti avversi da vaccino, in effetti abbastanza duri, diciamo, nel senso che mi ha provocato la chiusura delle due arterie femorali, ho dovuto subire due interventi abbastanza pericolosi, così mi è stato detto, per riaprire queste arterie, e in più adesso ho risolto questo problema, ovviamente è un problema che non è risolutivo perché mi hanno messo dei palloncini medicali, quindi non è una cosa che si sistema,
momentaneamente va bene. E in più ora mi sono rimaste queste neuropatie ai piedi, a entrambi i piedi, che mi creano parecchi problemi, quindi mi bruciano, non li sento, non mi sento le dita, cioè… Una cosa assurda. Tra l’altro mi stanno curando con antidepressivi, perché mi dicono che gli antidepressivi lavorano sul sistema nervoso centrale… Non è facile, io sono una parrucchiera, ho dovuto farmi prima, seconda e terza dose per lavorare, non per divertimento… Non lo so… Io sinceramente fino a luglio del 2021 stavo benissimo, non avevo problemi al di fuori del diabete che era curato con le mie pasticche, le prendevo sempre, invece quando sono venuti fuori questi problemi hanno continuato a dirmi che il diabete è il diabete. Il dottore che mi ha operato le vene e le arterie, mi ha detto che avrei dovuto avere queste cose a settant’anni, ottant’anni, stessa cosa, neuropatia. Loro dicono, neuropatia diabetica, io dico neuropatia da vaccino. Non lo so… Insomma la cosa è grave, molto grave, anche perché questi piedi ormai è più di un anno che non passano, non accennano nemmeno a diminuire, anzi il il piede sinistro, che era quello messo diciamo meno male, sta iniziando a farsi sentire come il destro, quindi sta peggiorando.”

Con noi non sei più solo 🌸 COMITATO ASCOLTAMI 🌸 With us you’re not alone anymore

PER CONDIVIDIRE QUESTO ARTICOLO CLICCA SULL'ICONA DEL TUO SOCIAL PREFERITO:

Inserisci un commento per partecipare alla discussione:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.